Fresco fresco, gusto inquinato.

Arriva l’estate. Vacanze, sabbia rovente, ombrelloni sparsi per tutta la spiaggia e persone in costume a fare il bagno o stravaccate su asciugamani variopinti per la tintarella.

Quando la situazione è questa una cosa è certa: Il caldo.

Cosa c’è di meglio allora, con un clima così, di una bella bevuta rinfrescante o un bel ghiacciolo dolce? Poco direi.

Hanno pensato questo anche tre studenti dell’Università delle Arti di Taiwan i quali però hanno immaginato di ricreare quelli che sarebbero i ghiaccioli del futuro se la nostra società si ostina a non cambiare. Perché si, dobbiamo cambiare. Il nostro pianeta non può più reggere questo nostro tenore di vita altamente inquinante. Non vogliamo fare un articolo scientifico nel quale si parla di come il mondo sta cambiando a causa del nostro inquinamento, comunque questi dati sono alla portata di tutti e sono certi. In poche parole, per ripeterlo, l’inquinamento sta portando la Terra pian piano al collasso e se non interveniamo in tempo e nel modo giusto rischieremo di oltrepassare il punto di “non ritorno” (vedi anche gli obbiettivi del Trattato di Parigi).

Ecco allora che da qui nasce la provocazione dei ghiaccioli. Freschi freschi e ben inquinati. Un messaggio che ha lo scopo di farci capire che qualsiasi azione compiamo poi questa ha, nel bene o nel male delle conseguenze e, se sbagliata, rischia di rivoltarcisi contro.

Precisamente questo fa riferimento al problema delle acque inquinate di Taiwan, ma con una lettura più profonda si percepisce un messaggio per tutti noi.

Nome: “Polluted Water Popsicles”.

 

 

 

Video:

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: