Carter e la sconvolgente descrizione della realtà della vita attraverso la fotografia.

Kevin Carter è il fotografo sudafricano al quale appartiene la famosissima immagine di una bambina stremata dalla fame in Sudan (Africa) mentre viene seguita da un avvoltoio.
Con la foto è riuscito a vincere il Premio Pulitzer nel 1993.
Il Sig. Carter nacque a Johannesburg il 13 Settembre 1960, iniziò la sua attività di fotografo entrando nell’ambiente della fotografia sportiva nel 1983 ma poco dopo decise di trasferirsi sui fronti di lotta politica in Sud Africa. Qui registrò per i quotidiani diverse immagini di repressione riguardo la protesta anti-apartheid e sulla violenza fratricida; successivamente intraprese la carriera da fotografo freelance.
Egli fu arrestato diverse volte per aver violato il divieto sudafricano sulla segnalazione del conflitto interno.

Una vita vicina al confine.
Dopo aver passato diverso tempo a documentare la situazione sudafricana, decise di intraprendere una nuova strada. La scelta che fece fu quella di recarsi in Sudan meridionale per fotografare la guerra civile e la carestia, la quale portò allo stremo il popolo sudanese.
Alcune delle sue foto scattate durante questa sua nuova avventura vengono pubblicate addirittura sul New York Times, sul The Mail, sul Guardian ed in un settimanale di Johannesburg. L’immagine che fece più scalpore e che lasciò molti senza parole ritrae una bambina africana crollata, accasciata al suolo sulla a causa della fame e della mancanza di forze, sullo sfondo invece notiamo un avvoltoio appostato in attesa della morte della piccola bambina. Questa foto più tardi verrà inserita in molte altre pubblicazioni e riportata come vera metafora della disperazione dell’Africa.

Tale immagine fu premiata con la vittoria del Pulitzer prime. Riguardo ad essa Carter ha rilasciato una dichiarazione nella quale ha detto che successivamente allo scatto ha portato la bambina in un centro per l’alimentazione e che poi è riuscito dunque a scacciare l’avvoltoio, almeno in quel caso.

Pochi giorni dopo la vittoria del premio, fu annunciato al signor Carter la scomparsa di una delle persone a lui più care, ovvero dell’amico collega Ken Oosterbroek. Egli fu ucciso mentre era a fotografare uno scontro a fuoco in Tokoza.

Amici e conoscenti di Kevin Carter hanno riferito come fosse un uomo dalle forti emozioni, spesso tumultuose; un uomo che aveva un’enorme passione per il suo lavoro e che anche lui arrivava agli estremi di euforia e depressione. Ha spesso detto alla gente che se non fosse diventato un fotografo sarebbe voluto diventare un pilota automobilistico, perché gli piaceva vivere vicino al confine.

L’orrore del lavoro
In seguito al suo viaggio in Sudan, Carter ha raccontato ad un giornalista che lo intervistava che ci sono stati periodi dove si è seduto a lungo sotto un albero a piangere e a fumare perché, per molto tempo si è portato con se il fardello dell’orrore che aveva visto e che aveva fotografato.

Nella notte del 27 luglio 1994, all’età di 33 anni, Kevin Carter fu trovato morto suicida. Lasciò così i genitori, la moglie, una figlia di 6 anni e due sorelle.

Questo atto tragico, disperato da parte del fotografo si pensa che sia stato causato da un peso troppo difficile per lui da sopportare, in quanto quella realtà che aveva visto e documentato così bene attraverso la macchina fotografica, si è rivelata realmente e tragicamente come un qualcosa che lo aveva ormai segnato per sempre.Carter e la sconvolgente descrizione della realtà e della vita attraverso la fotografia.

kevin-carter-vulture

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: